sabato 13 febbraio 2016

Intervista a Barbara Risoli



Jessica Maccario Ciao, Barbara, benvenuta tra noi! :)

Jessica Maccario Comincia adesso la tua intervista, dove chi vuole può intervenire per conoscerti meglio :) Ti chiedo innanzitutto: chi sei, cosa fai nella vita, vuoi presentarti brevemente?

Barbara Risoli Grazie ancora per questa opportunità. Chi sono? Una persona che ama scrivere, ok, e che per farlo deve divertirsi, la scrittura deve essere lieta, altrimenti non ha senso perseguirla. Nella vita sono diventata una casalinga, in passato lavoravo come perito industriale e sono ragioniera. Amo gli animali sino allo spasimo, ho un figlio, un marito... insomma, apparentemente sono una persona comune. Almeno credo.

Jessica Maccario eheh sai che conosco tantissime casalinghe/mamme che scrivono? comincio a pensare di dover affrettarmi a fare un figlio :P in quale momento della giornata preferisci scrivere?

Barbara Risoli Indubbiamente di notte, il momento in cui 'nessun rompe', il silenzio splende e le idee fluiscono. Ammetto che ultimamente, a causa di un problema di salute in risoluzione, la sera sono un po' stanca, ma tornerò ai miei ritmi, sono ottimista.

Jessica Maccario ahah la notte è il momento preferito di molti ;) quindi ami il silenzio? in tanti scrivono con la musica, sembra che li rilassi o sia loro d'ispirazione

Giovanna Barbieri ciao, noi ci conosciamo da un po'. Ammiro il tuo desiderio ci cimentarti in epoche storiche poco battute dalle altre autrici. Come mai questa scelta? Da dove vengono le tue storie?

Barbara Risoli A volte anche io mi lascio ispirare dalla musica, non lo nego... ma è meglio tacere sui miei gusti musicali che poi faccio ridere metà di voi... ih!

Barbara Risoli Eh! La scelta dello storico ha radici profonde nel mio modo d'essere. Non ho mai amato il tempo in cui sono capitata a vivere, sin da bimba, il passato mi ha sempre affascinata. Ho iniziato a scrivere per vivere altrove, sin da ragazzina e così, passano gli anni, e le epoche storiche mi hanno conquistata e mi hanno permesso una vita parallela, interiore. Oggi il genere non è apprezzato come un tempo, ma oggi i generi (anzi 'il genere') prediletti non richiedono poi tanta introspezione (mi si conceda di dirlo senza offendere nessuno, si intenda).

Jessica Maccario Vero, anche se credo che nei romanzi rosa ci sarebbe molto spazio per dedicarsi ai personaggi e alla loro complessività, ma pochi lo fanno ;) Passo anch'io a parlare dei tuoi libri visto che ne hai scritti molti. Qual è la tua prima opera pubblicata e cosa (o chi) ti ha spinta a intraprendere la strada della pubblicazione?

Giovanna Barbieri In quali generi letterari ti cimenti, di solito? Quale ti piace di più e perché?

Barbara Risoli La prima opera pubblicata è stato L'ERRORE DI CRONOS (se escludo un'incursione nella fantascienza) che è un fantasy, ma un fantasy fuori dalle righe, nel senso che ha come location la Grecia achea con i suoi dei, i suoi eroi e via dicendo. Il fattore fantasy è un traveltime, una giovane donna del ventesimo secolo si ritrova nel 1200 avanti Cristo e lì... succede di tutto. La mia passione per la scrittura la devo alla mia mamma, questa è l'eredità vera che mi ha lasciato abbandonandomi per una grave malattia nel 2010. Lei scriveva e io la guardavo, poi l'ho imitata e alla fine questa cosa ci univa e ci facevano forza a vicenda. Tanto è vero che anche le sue opere sono edite e sono sotto la mia supervisione. E' il mio modo per ringraziarla.

Jessica Maccario che bello :) ho visto che ci sono anche delle opere di tua mamma, lei non aveva mai pensato alla pubblicazione?

Jessica Maccario e da dove nasce questa passione per la mitologia e la Grecia, è un argomento che ti affascinava già da ragazzina?

Barbara Risoli Lei era pubblicata con casa editrice minore, poi ho ripreso ogni diritto e adesso la è in self, praticamente ho pubblicato io con il suo nome

Barbara Risoli Ho sempre amato l'Odissea e Ulisse, sin da piccina. E' lì che ho conosciuto quel mondo e l'ho studiato prima a scuola e poi da sola.
Il mio genere letterario è indubbiamente lo storico, ma il filo conduttore è sempre la storia d'amore. Nasco come aspirante autrice romance storica, dove per romance intendo il 'vero significato' della parola, non ciò che oggi viene erroneamente inteso.

Giovanna Barbieri cioé? spiegati meglio

Barbara Risoli Romance non è porno. Lo dico chiaramente. So di essere franca, ma inutile girarci intorno. Romance è il romanticismo dove ci sta anche il fattore fisico, ma i toni devono avere certe caratteristiche che non devono sfiorare neppure l'erotico (e anche qui per erotico intendo un genere preciso e molto difficile).

Giovanna Barbieri io la penso come te, lo sai. Certe scene dovrebbero essere immaginate oppure poeticamente descritte.

Barbara Risoli Ma anche censurate, se vogliamo. Vabbè... un po' di ironia... scusate.

Jessica Maccario me ne sono accorta leggendo il tuo romanzo "Il veleno del cuore", l'amore è centrale e la passione si avverte tra le righe, ma quello che si dicono nei dialoghi è in un certo senso più sensuale del momento stesso in cui lo fanno e la descrizione è molto poetica :)

Barbara Risoli Ma anche censurate, se vogliamo. Vabbè... un po' di ironia... scusate.

Barbara Risoli Ma anche censurate, se vogliamo. Vabbè... un po' di ironia... scusate.

Jessica Maccario hai messo tre volte lo stesso commento :P hihi

Barbara Risoli Ma sai che non sei la prima a dire una cosa del genere proprio sul Veleno del cuore? Una lettrice lo aveva definito persino erotico e io ne rimasi sconvolta... giuro. Eppure nulla che ho scritto voleva esserlo... Devo rifletterci.

Jessica Maccario secondo me non lo era, ma credo dipenda dalla percezione che ne ha il lettore, ad esempio per un mio familiare non abituato a leggere e con un'età diversa leggere la parola "lingua" basta a considerare erotico un libro... per me ci vogliono ben altri elementi ;)

Jessica Maccario Per la Delos Digital hai scritto anche un racconto erotico sotto pseudonimo, come mai questa scelta?

Giovanna Barbieri allora, volevo provare qualcosa di tuo, magari con una trama complicata (con battaglie e fughe). Quale mi suggerisci?

Barbara Risoli Vero. LA NOTTE DEI CRISTALLI IRIDATI di Sapphire Diamonds l'ho scritto io. E' stato un esperimento, non ho mai creduto di poter scrivere erotico. Una collega mi ha convinto, ci ho provato. Non è andata malaccio, ma c'è sempre il fattore storico a rendere forse le cose un po' più difficili. Tuttavia, nonostante avessi creduto di avere scritto cose 'folli' qualcuno mi ha detto che è un erotico leggero. Vabbè, tutta esperienza.

Jessica Maccario eheh hai sperimentato diversi generi come il rosa storico, l'erotico e il paranormal horror. Quale altro ti piacerebbe provare e quale proprio non riusciresti a scrivere?

Barbara Risoli Se si cerca l'intrigo, la complessità e anche un po' di scontro (ma non battagliero) consiglio la dilogia IL VELENO DEL CUORE e LA GIUSTIZIA DEL SANGUE da alcuni definiti un po' cruenti, ma io non sono d'accordo.

Barbara Risoli Diciamo che mi piacerebbe scrivere un bel horror di quelli da paura, appunto. Amo leggerlo il genere, come anche vederne i film, ma sinceramente credo che spaventare e far ridere siano le due cose più difficili per uno scrittore. Anche il thriller mi affascina, ma non ho lo spessore conoscitivo per poter ardire tanto.

Jessica Maccario sono d'accordo, io trovo difficilissimo far ridere, anche se a volte bastano le cose più semplici...
Jessica Maccario cruenti? nel primo c'è tanta passione, sono i dialoghi il punto forte e la storia fa da sfondo al loro amore :) il secondo sono molto curiosa di leggerlo, voglio sapere come se la caveranno d'ora in avanti ;)

Barbara Risoli Il fatto che lei faccia assassinare un'innocente è motivo di diniego per molti. Nel secondo, beh... effettivamente nella descrizione dell'esecuzione di Maria Antonieta mi son fatta prendere la mano, lo ammetto. Ma va a gusti...

Jessica Maccario fa parte del carattere del personaggio, Eufrasia è una donna che vuole mostrarsi molto coraggiosa e sicura di sé, anche se l'appoggio di Venanzio e il suo consenso diventano quasi fondamentali per lei...

Jessica Maccario mi è piaciuto molto Venanzio, con la sua decisione di assumere un titolo che non è il suo, il suo ruolo di assassino, quell'arroganza che cela anche dolcezza... bello :)

Barbara Risoli Venanzio è la chiave che apre la porta al suo modo d'essere che non è onesto, ammettiamolo. La storia si fonda sugli inganni e sul riscatto, sul perdono e sul sotterfugio. Lo scrissi come un rosa e mi madre si mise a ridere, dicendo che di rosa aveva poco. Lo aveva amato, nonostante lei detestasse il genere... Allora lo definisco fucsia, così faccio contenti tutti.

Giovanna Barbieri ;) carino!

Barbara Risoli Come spesso lascio intendere, alcuni dei personaggi dei miei romanzi hanno un loro corrispettivo nella realtà e Venanzio è uno di quelli, ovviamente romanzato

Giovanna Barbieri chi sarebbe? dai, sono curiosa!

Barbara Risoli Eh! Eh! Un uomo che ho incontrato nella vita, forte, particolare, appassionato. Un amore perduto? Forse o forse no... qualcuno che ha saputo interessarmi e non è cosa facile purtroppo. Per farlo basta poco, uno sguardo, una parola, una movenza. Non si pensi a chissà cosa, anzi... non amo le cose troppo facili ed esplicite, non mi attira ciò che attira gli altri. Sono complessa, me ne rendo conto.

Jessica Maccario interessante conoscere questi risvolti, è un personaggio che intriga molto ed è bello sapere che è stato in parte anche reale :) almeno per il carattere, per la parte del "disonesto" spero di no :P

Jessica Maccario eheh è vero, è interessante la parte degli intrighi e sei stata molto misteriosa fino alla fine. Mi è piaciuto anche il rapporto tra Eufrasia e il padre, il suo tentativo di ritrovarla, di non arrendersi. Una cosa che avrei voluto è sapere qualcosa in più sul "prima", sui motivi del tanto astio della figlia nei confronti del padre, a parte quello evidente del convento ;)

Giovanna Barbieri altra domanda: hai mai fatto presentazioni letterarie? Se sì come ti sei trovata?

Barbara Risoli Il padre di Eufrasia è mio padre. Allora era ancora vivo e mi sono cimentata nella sua descrizione. Mio padre era autoritario, fermo, non dava spiegazioni, era così e basta. Il mio rapporto con lui non era come quello di Eufrasia, io ero remissiva nei suoi confronti, non lo affrontavo mai: ecco un altro esempio di catarsi per me, realizzare scrivendo ciò che nella vita non poteva essere.

Jessica Maccario wow, la scrittura come catarsi è una cosa che aiuta moltissimo, spero ti abbia fatto bene liberarti in questo modo :)

Barbara Risoli Nel lontano 2009 andai a Torino a presentare IL VELENO DEL CUORE e fu una cosa molto divertente, anche grazie al collega Paolo Federici che è uno showman. Eravamo piccolini ma attirammo l'attenzione dei passanti. Ho fatto anche altre presentazioni con la casa editrice di allora, ma senza grandi riscontri. A livello locale il mio mercato è zero. Ecco perchè ho scelto il self e l'-book, qui nessuno mi legge (o per lo meno non in maniera preponderante) a parete gli amici più cari.

Barbara Risoli La catarsi maggiore l'ho avuta con LA STELLA D'ORO, dolore e sangue, cuore e speranza. Tuttora, quando lo rileggo, mi si stringe l'anima ripensando allo stato d'animo di allora.

Giovanna Barbieri quello sembra faccia per me ;)

Barbara Risoli La stella? Ricorda che è sempre e comunque sentimentale.

Giovanna Barbieri lo so, ma è diversa ;)

Barbara Risoli E' il romanzo che preferisco dei miei. Tematica difficile, ma intenso.

Jessica Maccario La stella d'oro è da un po' nel mio lettore! la rivoluzione russa e l'amore tra i due mi ha ricordato un po' Il cavaliere d'inverno, che tra l'altro ho adorato ;) tu hai qualche autore che prendi come riferimento o che ami particolarmente?

Barbara Risoli No! Io evito accuratamente di prendere alcuno come riferimento, spesso accade che io venga associata a qualche autore anche del passato e la cosa quasi mi secca. Non amo l'emulazione, in nessun senso... ma è anche vero che alcune idee si ripetono pur con sviluppi differenti.

Jessica Maccario Già, il self publishing per il cartaceo non aiuta molto a meno che non ti metti in un'associazione o trovi qualche libreria interessata. Tu hai provato anche la 0111, è riuscita a darti un aiuto maggiore rispetto al self?

Barbara Risoli Ero 0111 prima del self. Ho abbandonato le case editrici per essere self. Lo dico sempre che è stata una mia scelta ponderata. Non che mi trovassi male con la casa editrice (che oltretutto giudico ancora una delle migliori sul campo), ma non avendo mercato locale purtroppo non vendevo, ciò che arrivava era poco per un'azienda. Di comune accordo con la responsabile (persona che rispetto) ho chiuso per intraprendere la strada indipendente. Mi prendo la responsabilità del caso ogni volta che mi viene posta questa domanda.

Jessica Maccario non sei l'unica, tranquilla, molte autric
i dopo la strada delle piccole case editrici scelgono il self :) Una cosa che ho notato dal tuo sito è che sei molto trasparente, riporti per ogni libro il numero delle vendite. Sei soddisfatta di quello che hai ottenuto finora? In cosa vorresti migliorarti e quali altri obiettivi vorresti raggiungere?

Barbara Risoli E' vero, ogni mese aggiorno le vendite. Lo trovo corretto nei confronti di chi magari vuole conoscermi. Siccome ritengo che il lettore sia il vero giudice di uno scrittore, il conteggio vendite è un po' la sua voce, anche solo vagamente. Io posso ritenermi soddisfatta dei risultati ottenuti, ogni mese un pubblico ormai sconosciuto mi scopre e mi apprezza. Non faccio i botti che vedo invece graziare altre autrici, ma non ho pretese da Nobel per la letteratura, ogni lettore ha un valore e io sono felice. Come obiettivo mi piacerebbe salire un po' di più le classifiche, ma suvvia... per farlo dovrei buttar fuori qualcosa di nuovo, devo essere realista.

Giovanna Barbieri secondo te, c'è qualcosa di pratico che le autrici poco conosciute possono fare per essere lette e acquistate di più?

Barbara Risoli Eh! Domandona! E siccome non sono solita tergiversare, lo dico: per farsi conoscere bisogna avere un minimo di seguito che ti metta in evidenza, i cosiddetti amici che ti comprano, ti commentano, ti 'osannano'. Diciamo che la cosa ci può pure stare, il problema è che a volte questi sistemi superano l'inverosimile e si scade nel ridicolo portando avanti cose assurde a scapito di cose carine. Ma sappiamo come va il mondo...

Barbara Risoli Mi si era incartato il pc e ho modificato sopra concludendo...

Giovanna Barbieri anche le presentazioni, secondo me, servono molto a farsi un nome (magari un articoletto sul giornale locale)

Barbara Risoli Dipende dal luogo in cui si vive.

Giovanna Barbieri anche non nella tua città. Molti lettori, per es, sono di Milano e dintorni.

Jessica Maccario ahah sì, io trovo molto difficile riuscire a mantenere il gruppo di fan per anni, stuzzicare la curiosità anche quando non ci sono nuovi libri, invogliarti a seguirti. Quando ti dicono "sei una garanzia" è una delle frasi più belle che ci sono e dai commenti che hai ricevuto direi che in molti lo pensano :)

Barbara Risoli A beh... sono pochissimi i locali che mi leggono dove vivo, solo gli amici, lo ripeto e li ringrazio di cuore. Ma il mio genere qui non viene considerato, non parlo di tradizioni friulane e quindi non ho molte changes. Il problema è che io non sono friulana, mi risulterebbe difficile, conosco quel poco che ho vissuto, ma non ho origini di qui.

Barbara Risoli 'Sei una garanzia' me lo dicono spesso, è vero... fa piacere, lo ammetto.

Jessica Maccario le presentazioni fisiche sono difficili ovunque, il pubblico è poco e le librerie o i locali che ti ospitano non ti danno molto di più. Forse per questo si sta puntando più sul digitale... o al massimo sulle radio e sui giornali. Non che sia facile trovare gli agganci giusti XD

Barbara Risoli Confermo. Io ho creduto nell'e-book in tempi non sospetti. In molti mi davano della pazza, invece alla fine con questo sistema ci si fa conoscere molto più che con il cartaceo. Credo che questo lo possa confermare anche una casa editrice.

Giovanna Barbieri guardate, io devo fare almeno 10 presentazioni (ordini CE) ma trovare dei posti interessai e durissima, quasi un lavoro a tempo pieno.

Barbara Risoli Io confesso di averci rinunciato. Non voglio essere cinica, ma alla fine il guadagno è nullo perchè di grazia se ti comprano un libro... Ovviamente questa è la mia esperienza, ad altri può andare molto meglio, non ne dubito.

Jessica Maccario 10 sono tante, farle tutte nella propria città è impensabile, dovresti spostarti per l'Italia ma ovviamente ha un prezzo non indifferente... le fiere invece permettono di trovare nuovi lettori, Barbara ne hai mai fatte?

Barbara Risoli No. L'ho detto, sono stata alla Fiera del libro di Torino nel 2009 col la 0111 che allora era piccina e stava nel cosiddetto corridoio. Però ci siam fatti notare!

Jessica Maccario giusto ;) sembra strano ma ai mercatini del paese o alle fiere più piccole spesso si vende più che al Salone XD

Jessica Maccario Tu hai fatto anche una traduzione in porteghese del libro "La pietà della bestia", cosa ti ha spinta a scegliere il portoghese come lingua e come reputi questa "avventura", la rifaresti?

Barbara Risoli Eccolo qui il punto dolens delle traduzioni, tanto ambite e poi? Piazzare un libro tradotto dall'Italia, in italiano, è impossibile. E' il traduttore che deve darsi da fare con i suoi canali, come faccio io a parlare a dei portoghesi? La scelta è stata casuale: il famoso Babelcube ti offre varie lingue e ci ho provato con tutte. La Pietà della bestia è tradotta pure in francese e la stessa traduttrice sta finendo Il veleno del cuore, tradotto inoltre in olandese. Soddisfatta? Direi di no.

Giovanna Barbieri anche io ho accettato quella tedesca (donna sparita nell'oblio) e l'inglese (almeno la lingua la conosco)

Barbara Risoli Mah... quelli son canali difficili da seguire.

Barbara Risoli Ragazze, non so se si può... ma io dovrei staccare un attimo. Posso tornare più tardi se necessario?

Jessica Maccario certo, puoi rispondere quando vuoi, non c'è problema :)

Jessica Maccario Ti lascio ancora una domanda e se altri vogliono intervenire possono farlo qui sotto, poi metterò il tutto sul blog ;)
So che hai realizzato anche delle cover per altre autrici, ti diletti a fare illustrazioni oltre che a scrivere? Hai realizzato tu le tue cover?

Barbara Risoli Per altre autrici ho realizzato solo una cover senza pretese che credo si stata pure cambiata. Non sono grafica, non ho pretese in tal senso. Tuttavia, sì... le mie cover me le faccio sempre da sola, tranne l'ultima de LA STELLA D'ORO per e-book che me la fatta un'amica.

Jessica Maccario penso che sia molto bello saperlo fare, anche solo per i propri libri <3 concludo riportando la frase che compare sul tuo sito, che mi è piaciuta molto. "LO SCRITTORE, QUALSIASI GENERE EGLI SCRIVA, DEVE ESSERE TESTIMONE DELLA STORIA, PERCHE' IN OGNI ROMANZO SI CELA LA VERITA' DELLA REALTA'." Testimone e non creatore, è un dare importanza alla propria storia ed è anche un segno di umiltà. Brava :)

Barbara Risoli Grazie, gentilissima.

Giovanna Barbieri bella frase, complimenti :)

Jessica Maccario grazie a te per aver accettato di esserci, ti faccio i complimenti per la fantasia, hai scritto molti libri e saper essere originali nel romance non è semplice. Ho visto che hai scritto anche diversi racconti, come "Oro e argento", "Una donna bellissima", "Le sabbie dei desiderio", sei davvero piena d'idee! A cosa stai lavorando adesso?

Barbara Risoli Eh! Sto lavorando al sequel de L'ONDA SCARLATTA che sarà il sequel anche de... non lo dico! Sarà una sorpresa e anche un azzardo, ma si sa... amo il rischio!

Jessica Maccario uh, ti piace fare i seguiti, si vede :D nessun'altra serie fantasy all'orizzante?

Giovanna Barbieri anche io amo i seguiti ;) brava.

Barbara Risoli Ma veramente... avrei in ballo un romance paranormale, non proprio fantasy, ma insomma... Non so quando uscirà, ma ho la copertina. Eccola! Che non ho fatto io sto giro...

Jessica Maccario ah l'avevo vista, pensavo fosse già uscito!! tienici informati allora ;)

Piera Nascimbene Buonasera a tutte. Sono riuscita solo ora a entrare nel discorso. Barbara Risoli hai scritto storico, sentimentale, fantasy, dark......cosa ti manca ancora ? come riesci a gestire così bene i vari generi ?

Barbara Risoli Ma ciao. Io non credo di avere un sistema di gestione. Scrivo quello che i quel momento sento.

Piera Nascimbene Te l'ho già detto ma te lo ripeto...mi piace molto ciò che scrivi! Penso di aver letto tutto quello che c'è di tuo su amazon.......aspetto il seguito di L'Onda Scarlatta!

Virginia Rainbow Autrice Ciao Barbara Risoli!! Intervista molto interessante!!!

Nessun commento:

Posta un commento